CONDIVIDI
Amici 2017 Ed. 16: le dichiarazioni pungenti di Elisa sul suo rivale Morgan

Amici 2017 Ed. 16, le dichiarazioni di Elisa sul suo rivale Morgan. Il serale di Amici 2017 Ed. 16 è oramai alle porte e questa sera sabato 25 marzo 2017 andrà in onda la prima puntata, già registrata in precedenza. Proprio dopo la registrazione della prima puntata di Amici 2017 Ed. 16 Elisa ha rilasciato un’intervista a QN , il coach della squadra bianca Morgan. Elisa ha dichiarato: “Per come lo conoscevo è una persona intelligente e divertente, poi ho scoperto anche il suo lato aggressivo, da stratega, che ho visto nella registrazione della puntata di sabato. Quasi diabolico. Ha grande potenziale ma deve stare attento a non mettere in scena se stesso al posto dei ragazzi. Qui si premiano le performance e le canzoni, ci si innamora di questo, non dell’artista e bisogna fare i conti con un genere mainstream. Con Morgan è scontro perché abbiamo ideologie completamente diverse, loro puristi, io imbastardita, mi piace inglobare.”

Amici 2017 Ed. 16: Elisa parla di Morgan e dei suoi ragazzi.

Elisa ha raccontato a QN di avere metodologie completamente diverse rispetto a quelle di Morgan per quanto riguarda la formazione dei ragazzi della propria squadra: “La ricerca su ognuno in modo diverso. Attenzione, direzione artistica della loro performance, arrangiamento e produzione. Credo di essere sincera, diretta, sensibile ma decisa nell’affrontare i problemi. Ci sono nuove regole del gioco, chi non prende i punti si siede dietro di noi: è un segnale forte da gestire.”

Elisa ha parlato anche dei ragazzi della propria squadra e del loro talento: “Riccardo è un talento, oltre a essere molto bello, racconta storie adolescenziali, ha una struttura strutturata ma non ha paura di essere pop, ha un linguaggio e lancia messaggi non banali, non molta musicalità ma il suo punto di vista è profondo. Federica ha il dono di raccontare in modo fresco, emotivo quello che canta, scrive anche cose sue, più o meno strutturate, è impregnata di musica e note, è stimolante sceglierle un repertorio, non prende note altissime ma ha delicatezza ed eleganza, è speciale. Andreas si è dovuto ritirare l’anno scorso a una settimana dal serale per un infortunio, si è ripresentato e ha rifatto tutta la trafila daccapo, è bello forte, cresciuto, ha un altro fuoco dentro.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI